Archivio per febbraio, 2009

How to turn on automatic logon in Windows XP

Posted in Windows with tags on 17 febbraio 2009 by xpmatrix

you can use Registry Editor to add your log on information. To do tis, follow these steps:

1. Click START, click RUN, type regedit, and then click OK

2.Locate the following registry key:

HKEY LOCAL MACHINESOFTWAREMicrosoftWindows NTCurrentVersionWinlogon

Value:ForceAutoLogon
Type: REG_SZ
Data: 1

You can use also turn on automatic logon without editing the registry in microsoft Windows XP on a computer that not joined to a domain. To do this, follow these steps:

1.Click START, and then Click Run

2.In the open box, type control userpasswords2, and then click OK

3.Clear the “user must enter a user name and password to use this computer ” check box, and then click Apply.

4.In the Automatically Log On window, type the password in the Password box, and then retype the password in the Confirm Password box.

5.Click OK to close the Automatically Log On window, and then click OK to close the User Accounts window.

Annunci

Quelle RAM choisir?

Posted in Informatica with tags , on 16 febbraio 2009 by xpmatrix

Quelle mémoire vive (RAM) choisir pour son PC ?

A SAVOIR

La mémoire vive, ou RAM, est un élément capital de votre configuration. Contrairement à une – fausse – idée très répandue le plus important pour garantir de bonnes performances n’est pas le type de mémoire vive mais sa quantité. Par exemple, la DDR 3200 apporte juste de 3 à 4 % de performances par rapport à de la DDR 2700 sur une machine avec un FSB à 333 Mhz. Ainsi un système équipé de 256 Mo de DDR 3200 (ou DDR 400) sera nettement moins rapide, quand le système est fort sollicité, qu’un système équipé de 512 Mo de DDR 2100 (ou DDR 266).
Pourquoi ? C’est tout simple. La RAM est une mémoire très rapide tant en transfert qu’en temps d’accès. Une simple barrette de DDR 2100 bien optimisée peut ainsi délivrer un taux de transfert de l’ordre de 590 Mo/secondes. Quand la RAM est saturée le système a recours, s’il a été configuré pour, à la Swap ou “fichier de pagination”.
La Swap est ce que l’on appelle mémoire virtuelle.

* “Mémoire” par ce que le système peut y loger des informations à traiter même lorsque la RAM est saturée (permet d’éviter un violent crash système)
* “virtuelle” par ce qu’elle n’est pas de la mémoire vive.

Mais alors qu’est ce que c’est ? C’est tout simplement un fichier ou une partition de votre disque dur. Et c’est justement ça le problème : le disque dur ne vous fournira jamais le taux de transfert ni le temps d’accès que permet une barrette de mémoire vive. Celui-ci est en effet bien plus lent. Par exemple un très bon disque dur à 7200 tr/min doté de 8 Mo de mémoire cache sur interface IDE 133 offre un taux de transfert de 55 à 65 Mo/sec ou encore un temps d’accès de plus de 15 Ms. Souvenez vous des presque 600 Mo/sec d’une barrette de DDR 2100 et vous comprendrez pourquoi un système est bien plus performant quand il accède à la mémoire vive que quand il se sert de la mémoire virtuelle.
Vous devriez maintenant comprendre pourquoi votre PC “lutte” et fait souvent appel au disque dur quand de nombreux programmes sont ouverts. Si votre système présente trop souvent ce symptôme c’est qu’il n’est pas doté d’assez de RAM.
Si le PC avait eu plus de RAM (512 Mo plutôt que 256 Mo) il n’aurait certainement pas eu besoin de recourir à la Swap et donc aux performances médiocres des disques dur dans ce domaine.
Le choix de la rédaction

Une règle simple est à appliquer pour disposer d’un système à la fois très stable et performant : choisissez toujours la fréquence de votre RAM par rapport au FSB. Par exemple si vous utilisez un Athlon Barton FSB 333, vous devrez logiquement vous tourner vers des barrettes de DDR 333 (DDR 2700). Si vous utilisez un processeur nécessitant un FSB 266 il est préférable d’opter pour des barrettes de DDR 266 (DDR 2100). Un Pentium 4 en FSB 800 se portera donc au mieux de sa forme avec deux barrettes de DDR 400 (DDR 3200) montées en Dual Channel (voir section carte mère si vous ne comprenez pas ce terme).

Vous devriez donc comprendre facilement que coupler un Athlon XP 3200+ en FSB 400 avec une barrette de DDR 266 aurait une forte incidence sur les performances globales du PC : la RAM constituerait un véritable “goulot d’étranglement” pour le passage des données.

Attention : ne JAMAIS sous-équiper un système en RAM. Aujourd’hui 256 Mo est une valeur minimale pour une machine bureautique. Préférez 512 Mo pour tout autre type d’utilisation, votre machine sera bien plus à l’aise (Windows). Sur Linux par contre vous pouvez vous contenter de 256 Mo ;o)
Un conseil, gardez un oeil sur le cours de la RAM qui varie de jour en jour. Utilisez le comparateur pour trouver de la mémoire vive au meilleur prix
LE CHOIX DE LA RAM

Il est toujours préférable de répartir la quantité totale de mémoire vive sur deux barrettes plutôt qu’une. Les performances n’en seront que meilleures, surtout si votre carte mère supporte le “Dual Channel” (voir rubrique carte mère) et/ou que vous tournez sur Linux 2.4.x ou 2.6.x.

Une question m’est très souvent posée : faut-il acheter de la mémoire “no name/générique” ?
Non. Toutes les barrettes génériques ne sont pas mauvaises, mais rien ne peux vous assurer que vous allez tomber sur de la bonne qualité. Acheter de la “no name” c’est jouer à la roulette Russe.
Il existe une alternative très intéressante aux, très chères, barrettes de marque : la mémoire générique à chip Samsung. Performante et procurant une grande stabilité, mais pas autant que de la Kingston ou Corsair, elle est juste un peu plus chère que la générique. Après plusieurs heures de test et d’optimisation de la mémoire vive (réglage à faire au niveau du Bios) j’ai constaté une différence d’exactement 1.37 % entre de la mémoire DDR 2100 de marque Samsung et de la mémoire DDR 2100 générique à chip Samsung. La différence de prix entre les deux est par contre de plus de 25 %.
A vous de voir si ça vaut le coup :o)

Si vous destinez votre machine à l’overclocking les choses changent. Il est préférable de se tourner vers Kingston ou Corsair qui proposent des barrettes qui supportent très bien les augmentations de fréquence tout en gardant des timing très agressifs. De même, choisissez une RAM dont la fréquence est supérieure à celle du FSB, les possibilités d’overclocking seront plus élevées. Si vous n’avez rien compris à ce que je viens de dire c’est que vous n’avez pas besoin de telles barrettes ;o)

Comme je vous l’ai dit plus haut 512 Mo de mémoire vive (2×256 Mo) est une très bonne valeur. Vérifiez toujours, auprès du constructeur de votre carte mère, que le type de mémoire que vous envisagez d’acheter est bien compatible avec celle-ci. Bien sur 2×512 c’est encore mieux !
MARQUES RECOMMANDEES

Les marques suivantes sont réputées pour leurs excellents produits :
Kingston, Corsair, Samsung, Hyundai

Why OSX? Why not?

Posted in Mac, Windows on 14 febbraio 2009 by xpmatrix

Ecco un file che può servire a quelli come me che volevano avere un idea di come scegliere
tra tutti sistemi operativi quello che risponde meglio alle sue esigenze.
Mac OSX Vs WindowsXP Vs Vista Vs Linux

8 consigli e software

Posted in Informatica, Uncategorized with tags , , , on 14 febbraio 2009 by xpmatrix

Aggiornare ogni software

Ogni software, una volta uscito dalla casa di produzione e installato sul proprio personal computer, anche nei
casi migliori contiene errori di programmazione che ne possono compromettere l’utilizzo e che possono
danneggiare i vostri dati. È necessario sempre controllare sul sito Internet della società produttrice del software
che esistano aggiornamenti e nuove versioni. Tutto ciò è ancor più vero nel caso dei sistemi operativi come
Windows. Per mantenere sempre aggiornato Windows si può deve utilizzare il sito Windows Update
(http://windowsupdate.microsoft.com) visitandolo almeno una volta a settimana, lo stesso dicasi per il servizio
per sistemi Apple (http://www.apple.com/macosx/upgrade/softwareupdates.html).
Sarebbe anche una cosa buona, di abilitare lo scaricamento automatico dei aggiornamenti se non si vuole fare sempre un
giro sul sito di update. Anche con sistemi operativi non legali, alcuni aggiornamenti critici o pacchetti di sicurezza sono
comunque scaricabili
Per potere controllare se i suoi programmi sono aggiornati, esiste un programma che permette di farlo senza bisogno di farlo
un programma alla volta UpdaterChecker (http://www.filehippo.com/updatechecker/).

Installare e aggiornare un antivirus

Un antivirus è un software che blocca l’esecuzione di codice nocivo sul vostro computer. Esistono molti antivirus
commerciali in rete e il vostro computer dovrebbe sempre essere fornito di un antivirus aggiornato alle ultime
versioni disponibili. Un antivirus gratuito che garantisce la soglia minima di sicurezza è avast!, scaricabile
liberamente per gli utenti non professionali dal sito http://www.avast.com/i_idt_153.html
(http://www.avast.com/i_idt_153.html).

Installare firewall

Un firewall serve a bloccare gli attacchi perpretati attraverso la rete Internet. Un buon firewall consente anche di
monitorare l’attività di rete del vostro computer, bloccando l’attività dei software che si connettono alla rete
Internet senza la vostra autorizzazione. Esistono molti prodotti commerciali complessi. Un buon firewall
gratuito per l’utilizzo casalingo e completo delle maggiori funzionalità è Kerio Personal Firewall, scaricabile
gratuitamente da http://www.kerio.com/us/kpf_download.html (http://www.kerio.com/us/kpf_download.html) o anche
COMODO Firewall (http://www.personalfirewall.comodo.com/).

Non cliccare su allegati

Il maggior veicolo di trasmissione di virus è la posta elettronica. I maggiori virus vengono veicolati attraverso
messaggi automatici creati dal virus stesso e inviati a indirizzi di posta elettronica presi a caso sulla rete
Internet. È sempre buona precauzione non cliccare sugli allegati di posta elettronica anche se questi provengono
da indirizzi di posta elettronica considerate sicuri, potrebbe sempre essere un falso. Prima di cliccare sugli
allegati verificare l’integrità del file con un antivirus.

Creare Backup dei dati

Molti virus possono cancellare o sovrascrivere i vostri documenti. Diventa sempre più necessario utilizzare dei
software di back-up che periodicamente creano copie dei dati più importanti in modo da poterli recuperare nel
caso infausto di una perdita dovuta a scarsa attenzione o ad una pecca di sicurezza. Un buon software gratuito
per organizzare i backup dei vostri documenti è Abakt
(http://www.xs4all.nl/~edienske/abakt/download.html#latest).

Proteggere le proprie Password

La protezione della password è un processo che inzia sin dalla sua scelta. Si trovano facilmente in rete molti
programmi appositamente scritti per cercare le password dei più svariati sistemi: dai documenti word, ai file zip,
sino alle password delle proprie e-mail. Maggiore è la complessità della password minore è la probabilità di
trovarsi i propri dati sprotetti. Scegliete password con almeno 6/8 caratteri e comprensive di lettere e numeri.
Un buon programma che crea automaticamente password sicure e casuali e che può conservarle in un archivio
criptato è 4UOnly (http://www.dillobits.com/4uonly.html)

Eliminare gli Spyware

Un antivirus protegge dall’esecuzione di codice nocivo, un buon anti-spyware protegge dai programmi che,
veicolati spesso in applicazioni commerciali, possono raccogliere i dati sull’utilizzo del computer ed usarli per fini
di marketing o di indagine sociale. I cosiddetti spyware sono l’ultima minaccia che proviene dalla rete Internet.
Il programma gratuito che vi consigliamo di utilizzare per prevenire che questi programmi violino la vostra
privacy è SpyBot Search & Destroy (http://security.kolla.de/), Ad-ware (http://www.lavasoft.com/products/ad_aware_free.php)
e per ripulire il tutto CCleaner (http://www.ccleaner.com/).

Evitare lo Spam

Dopo gli spyware, i virus e gli attacchi nocivi, bisogna difendersi dallo Spam, ossia dalla posta indesiderata che
spesso intasa la nostra casella di posta elettronica. Lo spam, punito oramai anche da leggi ad hoc, ha raggiunto
come traffico la normale posta elettronica. Per proteggere la propria casella di posta da mail indesiderate ci
sono due strade facilmente percorribili: utilizzare un accout con efficaci filtri antispam come Yahoo! Mail
(http://mail.yahoo.it/) utilizzare un software che riconosce lo spam una volta scaricato come Spamihilator
(http://www.spamihilator.com/index2.php?lang=en).

How to Import a DVD into iMovie ‘0

Posted in Mac with tags , , on 10 febbraio 2009 by xpmatrix

The latest iMovie represent a major change from the previous version. The developers put in a lot of improvements to speed up the movie making process. Unfortunately, the ability to easily import DVDs was not on their to-do list.

Importing a DVD into iMovie is not a straightforward process. However, there is a way of doing it that doesn’t require the use of third party software. A far as I know, this method only works with iMovie ’08 and the DVD you want to transfer can’t contain any copy protected material.

  1. Insert the DVD you want to transfer to iMovie.
  2. Launch Disk Utility.app (found in the Utilities folder under Applications).
  3. Select the DVD and click the New Image icon located in the toolbar.
  4. Name your image and select a save location (I normally save to the desktop).
  5. Once you have your image, doubleclick to mount it.
  6. Launch iMovie. The program should automatically recognize the DVD image and begin processing the files.
  7. Have fun editing your video files!

Update: Most likely due to a software update, this solution often results in iMovie crashing. One possible workaround involves using HandBrake to convert your DVD into an mp4 file. You can then import that file into iMovie. Depending on the length of the video, this method can take quite a long time

iDVD

Posted in Mac with tags , on 9 febbraio 2009 by xpmatrix

Tutti i trucchi per iLife ’08: iDVD

Importare qualsiasi clip di iMovie
iMovie ’08 tiene traccia di tutti i contenuti video del nostro Mac, quindi da iMovie stesso si possono rintracciare tutte le clip video che abbiamo importato e usarle in iDVD, anche se non le stiamo usando in nessun progetto iMovie.
Apriamo la sezione Filmati nella finestra principale di iDVD, espandiamo la Libreria Eventi di iMovie e selezioniamo la miniatura voluta tra tutte quelle che appariranno. Per aggiungere solo una parte della clip video, aggiungiamo la clip a una zona di trascinamento, clicchiamo su quest’ultima nel pannello del menu e poi usiamo i cursori di Introduzione e Uscita per regolarne la durata.

Modificare la musica di sottofondo
E’ abbastanza noto che possiamo sostituire la musica di sottofondo standard di un tema di iDVD con un brano musicale della Libreria di iTunes. Ma non siamo limitati a questo. Possiamo anche usare l’audio di una delle nostre clip video.
Invece di trascinare un file video dal pannello Media al riquadro Menu nella schermata principale (operazione che rende questo file il “sottofondo” video del menu), trasciniamolo nel riquadro Audio dell’inspector di iDVD (si attiva con Vista > Mostra Impostazioni). Non vogliamo per niente un sottofondo musicale? Per silenziarlo velocemente clicchiamo il pulsante Modifica Zone di Trascinamento e poi clicchiamo sulla piccola icona a forma di altoparlante che si trova nel riquadro Menu.

graphics1

Importare qualsiasi clip di iMovie

graphics2

Modificare la musica di sottofondo

Trovare più suoni
La suite iLIfe è una fonte abbondante di tracce audio: possiamo trovarci i rumori di una città come il suono delle onde dell’oceano o anche di una folla plaudente. Non tutti questi suoni sono direttamente accessibili da iDVD, a meno che non li abbiate trasformati in una canzone di GarageBand, ma è semplice trovarli su disco del Mac.
Nel Finder, navighiamo sino a Libreria: Audio: Apple Loops: Apple: iLife Sound Effects. Da qui scegliamo il file più adatto e trasciniamolo nel riquadro Audio dell’inspector di iDVD o nel riquadro Menu della schermata principale.

Fare un elenco
Di default il pannello Media mostra i filmati e le foto come miniature. Alle volte navigare tra le miniature non è comodo, quindi è meglio passare a una visualizzazione a elenco.
Non c’è, come nel Finder, un pulsante dedicato per questo: facciamo Control-clic nel pannello con le miniature e scegliamo Mostra come elenco dal menu contestuale. Per definire quali colonne debbano essere visualizzate, facciamo di nuovo Control-clic e scegliamole dal menu Mostra colonne.

graphics3

Fare un elenco

graphics41

Giocare a nascondino

Avere un’anteprima accurata
L’anteprima di iDVD permette di farsi un’idea abbastanza precisa di come sarà il nostro progetto riprodotto da un lettore DVD, ma si tratta pur sempre di un’anteprima che mostra i filmati nel formato originale, non nella codifica che avranno sul DVD. Per avere un’idea più corretta della qualità video del prodotto finito si può creare una immagine disco.
Dal menu Archivio scegliamo il comando Registra come immagine disco (Comando-Shift-R). iDVD eseguirà tutto il processo di codifica dei contenuti, tranne il passo finale della registrazione fisica del DVD. Quando iDVD ha terminato, facciamo doppio clic sul file .img che è stato creato, in modo da montare il file come un volume sul desktop.
Lanciamo DVD Player (è nella cartella Applicazioni) e selezioniamo il comando Archivio: Apri contenuti multimediali per DVD. Selezioniamo la cartella VIDEO_TS dell’immagine disco ed esaminiamo il nostro progetto video. Se siamo soddisfatti possiamo masterizzare il nostro DVD direttamente dal Finder, senza dover ricodificare il progetto da iDVD.

Giocare a nascondino
Per mantenere il pannello Media sempre aggiornato, iDVD tiene sotto controllo le cartelle del nostro disco dove con maggiore probabilità si trovano contenuti video. Ma se teniamo i nostri filmati da qualche altra parte, ad esempio su un disco esterno, dobbiamo darne indicazione a iDVD.
Apriamo le Preferenze di iDVD, clicchiamo sul pulsante Aggiungi nella sezione Filmati e specifichiamo una o più cartelle che iDVD deve monitorare. Chiudiamo le Preferenze e torniamo al pannello Media: nella sezione Filmati c’è adesso una opzione Cartelle in più.

Installare e reinstallare Windows

Posted in Windows with tags , on 9 febbraio 2009 by xpmatrix

Capita a volte di dover riformattare tutto e nuovamente reinstallare il sistema operativo.
E’ un’operazione che richiede tempo, richiede la presenza dell’utente e non sempre è alla portata di tutti perchè qualcuno potrebbe fermarsi non sapendo come proseguire.
Sia Windows XP che Windows 2000 ma anche le versioni precedenti o anche prodotti come Office o Visual Studio permettono di fare particolari installazioni automatiche/automatizzate, che non necessitano della presenza dell’utente e vengono chiamate “unattended”.

Il principio di funzionamento è molto semplice, si crea un file di testo formattato in un modo particolare e poi viene passato alla linea di comando del programma winnt32.exe che procede all’installazione del Sistema Operativo tenendo in considerazione dei parametri indicati nel file (di solito chiamato unattend.txt). Questa modalità di solito viene usata quando c’è già un sistema operativo installato.

Se dovete partire da zero con una macchina vergine è consigliabile un altro tipo di approccio, cioè il file unattend.txt viene rinominato in winnt.sif viene copiato su un floppy, si riavvia la macchina, ci si assicura di avere il Cd-Rom come prima unità d’avvio, si inserisce il floppy e il cd-rom di installazione e il gioco è fatto.

Come si costruisce il file unattend.txt o winnt.sif ?

Ci sono in circolazione specialmente su Technet degli “Skeleton” degli scheletri di unattend.txt che poi potete modificare a mano, ma la cosa è abbastanza noiosa.
Prendete invece in mano il CD di installazione di Windows XP o 2000, e andate a vedere nella cartella:

D:\SUPPORT\TOOLS

troverete un file chiamato Deploy.cab. Apritelo e decomprimete il file all’interno chiamato setupmgr.exe, dopodichè lanciatelo, comparirà uno wizard come il seguente:

N.B Quello di Windows 2000 è leggermente diverso.

https://i0.wp.com/dotnethell.it/img/unattend.png

Lo Wizard del Setup Manager di Windows

Lo Wizard è composto da vari step molto intuitivi, indichiamo qui di seguito le opzioni da scegliere per la nostra installazione:

– Crea un file di risposta
– Installazione Automatica di Windows
– (Scegliete il sistema operativo che state per installare nel mio caso Windows XP Home)
– Completamente Automatizzata
– No, questo file di risposta sarà utilizzato per l’installazione da un CD

Arriverete ad un punto dove comparirà sulla sinistra una Treeview con vari nodi e con varie opzioni:

https://i1.wp.com/dotnethell.it/img/unattend2.png

Le opzioni del Setup Manager

Scorrete ora le varie opzioni sulla sinistra e contemporaneamente compilate sulla destra con i vostri parametri. Alla fine potrete salvare il file dal menù File->Salva.

N.B. Se state facendo un’installazione partendo da un sistema operativo già esistente potete usare il file unattend.bat creato a fianco del file unattend.txt che vi permette di lanciare automaticamente l’installazione usando il comando winnt32.exe infatti contiene le seguenti istruzioni:

set AnswerFile=.\unattend.txt
set SetupFiles=D:\i386
D:\i386\winnt32 /s:%SetupFiles% /unattend:%AnswerFile%

N.B. Se usate il Setupmgr.exe di Windows 2000 dovrete editare manualmente il file unattend.txt per inserire il ProductID di Windows perchè durante lo Wizard no viene richiesto.
E’ sufficiente aggiungere nella sezione [UserData] del file la voce ProductID= seguita dal codice numerico come indicato di seguito, se no l’installazione si interromperà chiedendovi di inserirlo:

[UserData]
FullName=”-”
OrgName=”-”
ProductID=XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX
ComputerName=test

E ora Installiamo Windows!

Finalmente ora abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno.
Rinominate il file unattend.txt in winnt.sif e copiatelo su un floppy disk.
Impostate nel BIOS come unità d’avvio il CD-Rom (se non sapete come si fa c’è un tip collegato a fondo pagina che vi spiega come).
Inserite Floppy e CD-Rom nel lettore e accendete il computer.
A questo punto partirà l’installazione da CD, che andrà a leggere sul floppy e leggerà il file winnt.sif con i relativi parametri.

A questo punto potete anche andare a bere un aperitivo! Fra circa mezz’ora Windows sarà stato completamente installato e sarà pronto all’uso.